Valorizzare i nuovi contatti: il networking post-conferenza di lavoro

Vale senz’altro la pena dedicare tre minuti ad imparare come valorizzare i nuovi contatti ottenuti partecipando a conferenze, fiere o eventi di lavoro in generale.

Cosa comporta la partecipazione ad una conferenza?

Prima di tutto un investimento di tempo e denaro:

  • il viaggio per raggiungere la location,
  • il tempo di produzione sacrificato per partecipare,
  • le risorse ed i servizi usati per rendere l’incontro utile.

Dato tutto questo sforzo, cosa occorre mettere in atto per rendere la riunione o la conferenza veramente proficua, dura e dopo l’evento.

Gli introversi, i demotivati, terminata la riunione, non vedono l’ora di chiudere il quadernino degli appunti (fisico o elettronico) e finirla lì.

È una tentazione, purtroppo diffusa che comporta perdite di tempo e denaro.

Come si può migliorare il lavoro a seguire includendo e valorizzando gli effetti dell’evento sulla propria giornata?

A scuola, dopo la gita, tanti tanti anni fa, ci facevano fare il riassunto. Oggi non è proprio così, forse a scuola non si fanno nemmeno più tanti riassunti. Oggi, gli esperti di Harvard ci suggeriscono come fare a capitalizzare la partecipazione ad un forum, un evento, una fiera, una conferenza. Mica male, direi, specie se cerchi lavoro o se cerchi lavoro in più.

Raccogli le informazioni

Per prima cosa, elabora le informazioni. Primariamente si tratta di elaborare i contatti ed i dati. Lo puoi fare tra te e te e non ti costa nulla, specie se non lavori oggi.

La socialità dopotutto si basa su questi due nodi: contatti e dati, informazioni primarie per rilanciarsi. Ed in una conferenza si può raggranellare diverse pepite preziose del genere.

Stabilisci un sistema di raccolta contatti: una App? un foglio elettronico? Un’agenda a mano “old style”?

Metti tutto in un luogo, e salva con riferimenti, città, mestiere, Company.

Creati un archivietto, insomma.

Analizza successivamente questa lista di nuovi contatti: hai promesso a qualcuno  di inviare un qualcosa, chessò, un contatto? Un volantino? Un link? Una richiesta di amicizia su un social?

Beh, mantieni la promessa e rientra in connessione.

Qualcuno invece ha detto che ti deve inviare qualcosa? Fai mente locale, annotalo. Se in una settimana non si fa sentire, ricontatta tu con una email o un whatsapp e, discretamente, senza assillare, rinverdisci il ricordo.

Ripercorri i partecipanti e gli speaker

Riguarda il programma a cui hai partecipato e quello a cui non hai partecipato. Visualizza la locandina e ripercorri gli speaker in lista.

C’è qualcuno degli speaker che ti è piaciuto? Oppure qualcuno che non hai visto e che vuoi approfondire in Youtube o Vimeo?

Qualche appunto che hai preso ti suggerisce domande da fare tenute in sospeso verso persone che ti ispirano?

Puoi innescare la connessione mandando una email, inviare dei sinceri complimenti.

Solamente successivamente potrai descrivere la tua attività, in relazione al contenuto della conferenza specifico. La email è già molto personale come primo approccio, ad esempio, e bombardare il destinatario con le proprie info non è coerente.

Hai un blog e vuoi segnalare l’articolo che hai fatto su qualche intervento relativo alla Conferenza? Ecco, questo è un buono scambio: “Leggi il mio articolo, può essere utile per le tue ricerche”. Suona come messaggio alla pari.

Approfitta per chiudere il cerchio e semina la tua presenza, facendoti guidare da ciò che ti ha realmente appassionato. Essere finti o interessati non servirà, ricorda.

Seleziona i contatti “col cuore”

Sempre seguendo quello che è il tuo istinto più spontaneo, ti consiglio di identificare il tuo obiettivo per quella relazione per ogni persona che hai scritto.

Questo diventa un esercizio cinico se legato all’interesse ed alla fame di lavoro/soldi. Se siete in quello stato mentale, evitate questa fase perché non riuscirete a farvi apprezzare e né a cogliere il senso della relazione che potrete stringere con i nuovi conosciuti. Rimandate ad un momento migliore.

Se invece siete sereni sufficientemente, calmi e fiduciosi, c’è da dire che i contatti presi perché ci vogliono vendere a tutti i costi qualcosa, sono contatti che non vale la pena coltivare.

Non è bello essere approcciati per essere trattati da “polli da spennare” (questo Harvard non lo dice, ma lo penso io!).

Stabilire una relazione profonda

I contatti da coltivare sono quelli con cui ti piacerebbe “stabilire una relazione più profonda”. Sono quelli con cui non è detto che esista da subito un punto di connessione chiaro, sebbene siano chiaramente empatici ed in relazione con te.

Questi sono i contatti da coltivare.

Ti forniranno soluzioni nuove, diremmo “creative”, ai problemi e tu potrai essere loro realmente utile.

Sono le persone che possono realmente aprirti a mondi nuovi e che probabilmente sono disinteressate. In effetti, in questa relazione nessuno ha realmente qualcosa da “vendere” all’altro.

(Personalmente ho sempre trovato lavoro così – è solo che ad Harvard lo spiegano meglio!).

Ricorda di cogliere la palla al balzo

Strette di mano, trolley, aereo, treno, ritardi… tutti eventi post conferenza che ci panno perdere il focus: ossia, perché avevi partecipato?

Ecco, se durante la conferenza hai trovato gente in gamba ma magari sei riuscito pure a trovare 1-2 soggetti perfettamente profilati sul genere di conoscenza che andavi cercando, beh, non dimenticarli per strada!

Qualcuno ti ha detto in modo più o meno esplicito che esisterebbero per te opportunità?

Una conoscenza ti ha ventilato la possibilità di fare da speaker o tenere un seminario in una università?

Fai mente locale e manda una email entro una settimana.

Coltiva le persone che ritieni valide

Se ci si mette in ascolto, è facile trovare persone con le quali si desidera costruire un rapporto più profondo, di tipo professionale. Sia perché hanno qualità umane interessanti sià perché svolgono ruoli e possiedono competenze per te utili, con alcune persone della tua nuova lista contatti, si può pensare a fare qualche passettino in più.

Non vi preoccupate del voler coinvolgere “grandi personalità”, non sentitevi “ da meno”, ecco. Molte grandi personalità hanno desiderio di allargare la propria cerchia e di essere apprezzate per quello che sono.

Ovviamente, se si vive tutti nella stessa città è più facile: un invito a pranzo, un invito ad ulteriori classi formative; ma anche raggruppare più colleghi con qualche biglietto per la partita o per il teatro può essere un buon modo per partire in campo neutro.

Se vivi in città diverse, dovrai sviluppare una strategia più specifica. Se hai una email list del blog puoi inserirli, previo consenso ovviamente.

Se hai in mente di organizzare tu qualche evento puoi invitarli. Se invece nella loro città c’è un evento utile ad entrambi puoi mandare una email o meglio telefonare.

Conclusione

Ognuno di noi può trovarsi ad un evento o conferenza o anche ad una grande riunione ed incontrare persone nuove.

Questi eventi sono miniere di contatti e dati sia per chi lavora che per chi cerca nuovo lavoro. Chi vuole crearsi una nuova carriera oppure chi vuole sapere di più su una carriera interessante, può recarsi ad un evento per capire di più, approfondire, …e vedere aprirsi dei veri e propri “nuovi mondi”.

È parte del networking entrare in contatto con personalità interessanti e interessate ad ambiti vicini ma non proprio coincidenti con i nostri.

Seguendo le strategie dell’articolo, puoi assicurarti che il tempo, gli sforzi e i soldi che spendi si trasformino in relazioni importanti, interessanti, proficue per entrambi, specie se strette con persone che reputi realmente di valore. E sempre che tu sia disposto a mettere in pista del valore

 

– Daniela Ceremigna

 

 

—————

L’articolo trae spunto da:

How to Follow Up with People After a Conference di Dorie Clark, December 13, 2018, Harvard Business Review.

Ehi, la tua opinione conta!

La tua email non sarà pubblicata.

var trackcmp_email = ''; var trackcmp = document.createElement("script"); trackcmp.async = true; trackcmp.type = 'text/javascript'; trackcmp.src = '//trackcmp.net/visit?actid=999843548&e='+encodeURIComponent(trackcmp_email)+'&r='+encodeURIComponent(document.referrer)+'&u='+encodeURIComponent(window.location.href); var trackcmp_s = document.getElementsByTagName("script"); if (trackcmp_s.length) { trackcmp_s[0].parentNode.appendChild(trackcmp); } else { var trackcmp_h = document.getElementsByTagName("head"); trackcmp_h.length && trackcmp_h[0].appendChild(trackcmp); } "/>
Informativa sulla Cookie Privacy di questo Sito

Questo sito o gli strumenti terzi che utilizza si avvalgono, oltre che di cookie tecnici necessari al corretto funzionamento, di cookie di tracciamento utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per i dettagli consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando sulla pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, dichiari di acconsentire all’uso dei cookie nei termini espressi.

Questo campo è obbligatorio
Immettere un indirizzo e-mail valido
Spuntare questa casella per proseguire
Selezionare un valore dall'elenco